Privacy Policy
Fai budget e budgeting con il contante

Come fare budget e budgeting con i contanti

Eccoci alla terza ed ultima parte di questo percorso attraverso budget e budegting. Questo post è per te che preferisci usare denaro contante. Se ti sei persa i precedenti  QUI e QUI troverai la prima e la seconda parte. Se, invece, mi hai seguita continua a leggere e scopri come fare budget e budgeting con i contanti. Andiamo!

BUDGETING CON LE BUSTE

buste femminili per il metodo delle buste

Hai mai sentito parlare del budgeting con le buste?

Sul web impazza la “100 envelope challenge” , ma non è di questo che voglio parlarti.

Al contrario voglio spiegarti come fare budget e budgeting con i contanti, anche se hai già scelto uno dei metodi che ti ho spiegato nel mio precedente post. Questo sistema è molto semplice, ti permette di usare denaro fisico e ha il vantaggio di essere complementare a tutti i metodi, dal più semplice, quello indicato da Tobias , ai più articolati come quello di Jenkins. L’obiettivo è rendere il processo reale e tangibile per facilitarti nella gestione di risparmio e spese.

Si basa sulla divisione del denaro contante in un certo numero di buste.

Vediamo come funziona.

  • SCEGLI LE CATEGORIE DEL TUO BUDGET

Individua, cioè, quali sono le categorie delle tue spese.  Potrebbe essere: spesa alimentare, bollette, affitto,  istruzione, vestiario….. Butta un’occhio a questo post: ho scritto una pratica guida che potrebbe farti risparmiare un sacco di tempo e facilitarti nell’ingrato lavoro di categorizzare le spese. Scrivi su ciascuna busta la categoria corrispondente

  • SUDDIVIDI IL DENARO NELLE VARIE BUSTE

Quando ti viene accreditato lo stipendio preleva il contante necessario a coprire le spese e suddividilo nelle varie buste. Non dimenticare di pagare prima te stessa, nella percentuale che hai deciso. Questa quota non rientra nel calcolo delle buste!

  • SPENDI NORMALMENTE

Ogni volta che devi affrontare una spesa, preleva il contante che ti necessita  dalla busta corrispondente  e riponi resto e scontrino.

  • QUANDO UNA BUSTA E’ VUOTA NON PUOI PIU’ SPENDERE NULLA PER QUELLA CATEGORIA

Ti sconsiglio di prelevare contante da altre buste per riempirla, a meno che non si tratti di una spesa essenziale. In questo caso ribilancia la tua prospettiva di spesa per l’altra categoria. Soprattutto non toccare la quota dedicato ai risparmi!

  • DECIDI COSA FARE CON LA LIQUIDITA’ IN ECCESSO

Se sei stata attenta è possibile che trovi un eccesso di liquidità nelle buste. Anche semplici resti in monetine. Hai diverse opzioni. Puoi implementare la voce risparmio. Oppure puoi iniziare un fondo opportunità  o emergenza.  La scelta è la tua e deve tener conto delle tue esigenze!

  • CONTINUA OGNI MESE

Ripeti il processo ogni volta che percepisci il tuo stipendio. Aggiusta al meglio le categorie e le percentuali . Potresti scoprire di avere difficoltà con una busta ed eccedenza con un’altra. Apporta le modifiche necessarie  e personalizza.

I vantaggi di questo metodo sono davvero molti:

  • Puoi usarlo indipendentemente dal sistema che hai scelto
  • E’ fisico: ti mette a diretto contatto con il denaro contante  facendoti sperimentare la reale sensazione di spendere e risparmiare
  • Può essere una scelta transitoria finalizzata ad un obiettivo preciso
  • Consente di conservare gli scontrini ordinatamente. Questo ti aiuta a tracciare le spese e ti indica come ridurle
  • Ti permette di separare  le spese quotidiane dalla somma che decidi di corrisponderti all’inizio di ogni mese

Lo scopo di questo sistema di budget è sempre quello di assicurarti di non spendere più di quello che ti puoi permettere e di risparmiare. Questo metodo potrebbe rappresentare  la tua scelta migliore soprattutto se hai più confidenza con il contante.

IL METODO GIAPPONESE PER FARE BUDGETING CON I CONTANTI

Fiori e scritte giapponesi

Se il budget per te è come per me la dieta e preferisci usare i contanti, il metodo giapponese potrebbe essere la soluzione.

Con questo sistema puoi fare budget e budgeting con il contante in modo semplice e davvero efficace!

Costanza, pazienza, determinazione e 2 semplicissimi passaggi sono tutto quello che ti serve per risparmiare anche somme di denaro importanti. Dipende da te.

Ecco come.

  1. A fine giornata dimezza il denaro che hai nel portafoglio. Nascondi questa somma e dimenticatene
  2. Quando ricevi il tuo stipendio fai finta di aver guadagnato meno. Preleva la somma restante e dimentica il resto.

Ti faccio un esempio.

Se alla sera nel portafogli ci sono 10 euro prendine 5 e nascondili. Se guadagni  1500 Euro fai finta di averne ricevuti 1350 e lasciane sul conto 150. Ripeti con costanza questo comportamento: alla fine dell’anno avrai risparmiato ben 5200 euro! Non male, vero?  Ti faccio notare, inoltre, che questa somma corrisponde al fondo emergenza che dovresti avere per affrontare serenamente gli imprevisti.

Per approfondire l’argomento “fondo di emergenza”, ti consiglio di leggere questo post. Sono certa che troverai informazioni utili e spunti per avviare, subito, il tuo.

Ti garantisco che, questo metodo, soprattutto se sei all’inizio, ti darà grandi soddisfazioni e,  un bel gruzzolo  con uno sforzo relativo. Potrai vedere crescere il tuo risparmio quotidianamente e questo ti aiuterà ad essere costante.

SE  LO STIPENDIO E’ MINIMO PUOI RISPARMIARE: FAI BUGETING CON I CONTANTI.

Banconota da 100 euro

Quando si hanno stipendi modesti o si è giovani al primo impiego si può risparmiare e, fare budget e budgeting con il contante è la scelta migliore. Il sistema che ti illustrerò richiede solo costanza e determinazione

E’ una modifica del metodo “52 weeks challenge”, molto popolare sul web che però ha uno svantaggio da non sottovalutare. A fronte di un piccolissimo risparmio iniziale richiede un impegno sostanzioso  a partire dalla 25° settimana. L’importo accantonato alla fine dell’anno, sia nell’uno che nell’altro caso, è lo stesso, 1372 Euro, ma  diversa è la ripartizione.

L’impegno richiesto, infatti, è di 26,5 Euro alla settimana per un totale di 52 settimane. Questa somma corrisponde ad un accantonamento giornaliero di  poco meno di 4 Euro, facilmente reperibili anche solo rinunciando alla colazione al bar, o alla pausa pranzo al ristorante se sei  trasfertista.

Inoltre rispetta la regola aurea di Clason :” accantona il 10% delle tue entrate e non toccarle mai.”

CONCLUSIONI

Cara amica, il viaggio attraverso il mondo dei budget e del budgeting  è arrivato alla fine. Abbiamo analizzato molti metodi e, sono certa, fra queste righe avrai trovato quello che cercavi. Come più volte ti ho detto, sperimenta. Prova tutti i metodi , modifica e trova la ricetta giusta per te. Il percorso VERSO LA TUA INDIPENDENZA ECONOMICA e non solo, passa attraverso questo irrinunciabile passo. Ti assicuro che sarà un’esperienza davvero importante  e , alla fine, la sensazione di sicurezza e serenità che proverai ti ripagherà degli sforzi!

Se questo contenuto ti è piaciuto, continua a leggere il mio blog. Troverai tanti altri consigli e spunti utili ad accompagnarti nel tuo percorso

Non dimenticare di contattarmi, sarò lieta di rispondere alle tue domande!

A presto

Emi

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy