pre-impegnarsi per resistere alle tentazioni

Per risparmiare efficacemente bisogna, assolutamente, resistere alle tentazioni.

Allora, perchè la maggior parte di noi non riesce a raggiungere gli obiettivi e abbandona la presa? Perchè altri, invece, mantengono il controllo sugli impulsi e hanno successo?

Cara amica, la faccenda è complessa! Se pensi che sia solo una questione di azioni, ti sbagli di grosso. Certo, le azioni sono e restano una parte importantissima del processo, ma ( c’è sempre un ma) sono solo la punta dell’iceberg.

Questo, perchè quando si parla di tentazioni entra in gioco la nostra diversità e le nostre emozioni.

Non si tratta di essere più o meno bravi. Tutt’altro. Si tratta di accettare e conoscere la diversità che ci fa essere così belli e unici, nel bene e nel male, e di lavorare su quelle peculiarità per trovare il modo di esercitare autocontrollo.

Ti interessa sapere quali strumenti hai a disposizione?

Andiamo.

Resistere alle tentazioni : il nostro cervello

ruolo del cervello nelle tentazioni

La natura, a volte sa essere davvero perversa.

Sapevi che, nel nostro cervello, la sede dell’autocontrollo e della memoria operativa è la stessa? Sono i lobi frontali, quelli cioè, deputati alla pianificazione e all’esecuzione dei comportamenti, ma anche alle emozioni. Quando si lede questa zona le persone diventano incapaci di controllare le emozioni e perdono i freni inibitori, cioè non sono in grado di controllarsi.

Comprendi allora, quanto, sia complesso mettere d’accordo tutto il sistema per farlo funzionare come vogliamo noi? E, perchè è così importante tenere sotto controllo le tentazioni?

Controllarsi

Controllarsi è importante perchè le tentazioni possono trasformarsi velocemente in abitudini nocive e comportamenti controproducenti per il raggiungimento dei nostri obiettivi.

Se cadi in tentazione spesso, continuerai a farlo e questo comportamento diventerà automatico.

Ti faccio un esempio.

A tutti è capitato almeno una volta di gratificarsi perchè ci si sente “un pò giù”. Può essere una borsa, un libro, un vestito, una seduta alla SPA… Il piacere momentaneo che proviamo in quel momento fa stare bene.

Nulla di male. Ma è un campanello d’allarme molto importante. Su cui dobbiamo intervenire con il controllo. Quell’azione, infatti, è, quasi sempre, la risposta ad un bisogno interno profondo che resterà lì, se non si risolve, e continuerà a richiedere attenzione.

Ogni volta che si ripresenterà tu risponderai acquistando qualcosa che ti rende felice, in quel momento.

Ecco instaurata un’abitudine nociva. Ecco perchè sapersi controllare è così importante per prevenire disastri economici e altro.

Fortunatamente abbiamo diversi strumenti a disposizione per farlo.

Strategie per resistere alle tentazioni

Strategie utili per resistere alle tentazioni

Il modo migliore per resistere alle tentazioni è sicuramente quello di risalire al problema. Capire qual’è il bisogno latente che la scatena. Mi rendo conto che è un lavoro complesso e lungo e prevede un percorso di riflessione su se stessi molto complicato. Dovrai affrontarlo se vuoi cambiare i tuoi comportamenti in modo definitivo. Ma nel frattempo..?

Se non hai ancora individuato il tuo bisogno latente o, ancora, ci stai lavorando, devi comunque avere uno strumento che ti aiuti nelle emergenze, per non vanificare i sacrifici che hai fatto fino ad ora.

Il web è pieno di soluzioni e strategie più o meno efficaci per resistere alle tentazioni. Questa infodemia, però, rischia di confondere più che aiutare. Per questo motivo ho pensato di indicarti un’unica strategia davvero efficace.

Seguimi nel prossimo paragrafo.

Impegno preventivo: il segreto del successo

Il modo migliore per resistere alle tentazioni è evitarle.

Per evitarle bisogna capire quali sono i nostri punti deboli: shopping, libri, cibo… Il mio sono i libri e la formazione.

Una volta individuati è necessario costruire delle solide barriere al comportamento nocivo e prendersi impegni preventivi. Imporsi, cioè, di evitare di entrare a diretto contatto con gli oggetti dei nostri desideri e mettere in campo azioni che contrastino tali comportamenti.

Ti faccio un esempio.

Ti ho detto che il mio tallone d’Achille sono i libri. Se entro in una libreria non ho freni alle spese, da sempre. Mia madre mi aveva fatto l’abbonamento alla biblioteca a 7 anni per arginare questa mia compulsione e rimanere sana di mente!

Fatta questa premessa ti racconto le mie barriere , i miei impegni preventivi.

Per prima cosa ho stilato, sulla mia agenda, una corposa lista di titoli che vorrei leggere in un arco determinato di tempo.

Mi sono imposta di leggere un solo libro alla volta che integro cercando risorse gratuite sul web per approfondire.

Mi concedo una sola visita al mese ( anche meno) in libreria, con una lista condivisa con il mio compagno. Lascio il bancomat a casa e pago in contanti. Acquisto in cartaceo solo testi che ritengo importanti e che desidero conservare.

Per tutti gli altri titoli acquisto on line testi digitali ( che non mi piacciono) con una prepagata che ricarico all’occorrenza.

Rifletto a lungo sull’opportunità di quell’acquisto o sulla possibilità di rimandarlo a favore di qualcos’altro.

Credimi se ti dico che ho abbattuto le spese di quasi il 70% e senza rinunciare alla mia passione! Semplicemente controllandola.

Quali azioni, allora, si possono mettere in campo per controllare le tentazioni?

Eccoti una lista efficace:

  • Evita i luoghi dove puoi accedere facilmente agli oggetti che desideri. “Occhio non vede, cuore non…desidera!”
  • Compila una wish list ragionata e attieniti ad essa. Scrivi solo ciò che desideri davvero e usala nei momenti in cui la tentazione si fa’ impellente.
  • Condividi le tue intenzioni di acquisto con la/le persone che hai vicino. Ti aiuterà a rimanere fedele ai tuoi intenti.
  • Usa il contante per pagare. Le carte rendono il denaro immateriale e ti sembra di non spendere. Al contrario il denaro fisico rende l’esperienza reale.
  • Automatizza tutte le spese essenziali che puoi automatizzare ( bollette, affitto, mutuo..) e prima di pianificare qualsiasi spesa extra controlla il tuo estratto conto in modo da sapere quanto puoi effettivamente spendere
  • Stai lontana dal tuo fondo emergenza e dai tuoi risparmi. Se sai che per te è molto difficile, pianifica conti ( correnti o postali a bassissimo costo) in cui versi in automatico la cifra che hai deciso di risparmiare all’inizio di ogni mese. Rendilo difficilmente accessibile.
  • Aspetta e prenditi tempo per riflettere sull’opportunità di quell’acquisto. Normalmente il desiderio impellente, tende a ridursi con il passare del tempo.

Occorre , in conclusione, impegnarsi in anticipo per assumere comportamenti virtuosi che ti porteranno dritta dritta ai tuoi obiettivi ed evitare di cadere in inutili tentazioni. Utilizzare questi “trucchi” ti aiuterà a resistere, ma, mi raccomando non esagerare, qualche gratificazione devi concedertela. Ricorda: risparmiare va bene, ma sempre con stile, per non fallire!

Amica mia, siamo ai saluti. Se vuoi contattami e raccontarmi le tue esperienze, sarò lieta di condividerle! Non dimenticare di leggere il mio blog: troverai tanti altri contenuti interessanti.

A presto

Emi

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.